I laghi di Monticchio

In uno spazio lasciato vuoto dall’antico cratere di un vulcano, non più attivo da 500.000 anni circa, prendono forma i laghi di Monticchio. Essi si distinguono in 2 laghi: Il lago più grande ha una superficie di circa 40 ettari e si trova ad una quota più bassa rispetto al lago più piccolo che si estende per circa 10 ettari.

laghi-di-monticchio

Dal lago Grande sono visibili dei resti dell’antica chiesa basiliana di S.Ippolito, risalenti al X secolo d.C. Vicino al lago Piccolo, invece, è possibile ammirare l’abbazia di S. Michele, anch’essa risalente al X secolo d.C. e costruita su delle grotte che furono abitate da dei monaci basiliani.

Sulle sponde del lago di Monticchio si affacciano salici e ontani, mentre risalendo il vulcano possiamo trovare i fitti boschi di faggio e di leccio, una flora insolita e inversa rispetto all’ordinario, dovuta al clima particolare che permette ai faggi di crescere nonostante la quota relativamente bassa in cui si trovano.

In questi luoghi è possibile ammirare, nell’unica riserva naturale dedicata in tutta Italia, la Acanthobrahmea europea, ovvero la farfalla notturna, che trova il suo habitat naturale grazie alla presenza dei frassini.

Check Also

chiese rupestri Matera

Il Parco archeologico delle chiese rupestri nel materano

Sono oltre un centinaio le chiese rupestri presenti nel Parco archeologico storico naturale del materano, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *